Progetto

Gli Stati Generali per Nativi Digitali nascono per ridurre il digital divide intergenerazionale.

Le tecnologie, infatti, stanno cambiando le modalità di fruizione e di accesso ai saperi delle giovani generazioni che utilizzano internet, social network, tablet e smart phone dai primi anni di età. Chi lavora con bambini e adolescenti non può prescindere dal cercare formule inedite ed interdisciplinari per proporre loro nozioni e stimoli, ma quasi sempre non possiede le competenze necessarie per adoperare supporti e contenuti digitali in maniera corretta. Gli Stati Generali per Nativi Digitali puntano a colmare questo vuoto, avviando un percorso per raccogliere, elaborare e condividere esperienze, competenze e proposte avanzate da tutti coloro che si confrontano regolarmente con bambini e ragazzi.

Il progetto è aperto a genitori, insegnanti, educatori, dirigenti scolastici, bibliotecari, professionisti dei media digitali, aziende informatiche, operatori della comunicazione, editori scolastici, imprese e pubbliche amministrazioni che in ambiti differenti si occupano di infanzia e adolescenza. Gli Stati Generali per Nativi Digitali vogliono mettere in connessione tutte queste figure professionali e i loro mondi di appartenenza, costruendo una rete di saperi e di strumenti per rispondere alle esigenze dei Nativi Digitali e quelle dei loro interlocutori. La complessità dell’argomento solleva una molteplicità di domande. Per trovare le risposte corrette vogliamo avviare un percorso condiviso, partecipato e arricchito da contributi interdisciplinari.